Submenu

Blocco caldaia: cause frequenti e come risolvere

Un blocco della caldaia è dovuto solitamente ad un malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento. Scopri i motivi per cui la caldaia va in blocco e come risolvere.

Blocco caldaia: cause frequenti e come risolvere

La caldaia è un impianto di riscaldamento fondamentale all’interno dell’abitazione. Nel periodo invernale, farne a meno è quasi impossibile, ma in generale è importante avere una caldaia sempre funzionante in qualsiasi periodo stagionale. Grazie ad essa, infatti, è possibile azionare i termosifoni oppure ottenere acqua calda sanitaria.

 

Le caldaie per il riscaldamento domestico si differenziano in base al tipo di combustibile utilizzato, come il GPL o il gas metano, la cui combustione aumenta la temperatura dell’acqua o dell’aria che passa nel sistema, per immetterla in tutti gli ambienti e riscaldare l’abitazione, oppure per avere a disposizione acqua calda sanitaria.

 

Oltre al tipo di combustibile utilizzato le caldaie si distinguono per un’altra caratteristica, la presenza o meno del sistema di condensazione. In pratica, rispetto ai modelli tradizionali, le caldaie a condensazione possono recuperare parte del calore generato per la combustione, ottimizzando il rendimento stesso della caldaia, rendendola più efficiente.

 

Visto l’importante ruolo ricoperto dalla caldaia all’interno di una abitazione, risulta davvero spiacevole quando si verifica un malfunzionamento di questo apparecchio. Una situazione comune, ad esempio, è un problema all’impianto di riscaldamento dell’acqua calda sanitaria proprio nel momento in cui si sta facendo una doccia o si vuol preparare un bagno. Qualsiasi sia il motivo del malfunzionamento, esso provoca solitamente un blocco della caldaia.

 

Capire i motivi per cui la caldaia va in blocco ci permette di risolvere il problema da soli o, in situazioni più gravi, di risolvere il blocco della caldaia rivolgendoci ad un tecnico specializzato.   

Perchè la caldaia va in blocco

Prima di scoprire come risolvere il problema che si è verificato nella nostra situazione specifica è importante chiarire che cosa s’intende con il termine “blocco caldaia”. Si dice che una caldaia va in blocco quando qualcosa nel sistema di riscaldamento impedisce il corretto funzionamento del dispositivo o dell’impianto a esso collegato. Il blocco della caldaia, dunque, si verifica per ragioni di sicurezza: se c’è un malfunzionamento, il dispositivo smette di funzionare per evitare l’insorgere di problemi più gravi. Raramente dunque la colpa della caldaia in blocco è da attribuire alla caldaia in sé, esistono diverse cause esterne capaci di provocarlo.  

Le cause più frequenti del blocco di una caldaia sono:  

 

Una volta capito perché la caldaia va in blocco è possibile provare a risolvere il problema da soli, quando si tratta di problemi non gravi e di facile risoluzione, oppure rivolgersi ad un tecnico che ci aiuterà ad individuare la causa del blocco della caldaia con certezza e riparerà il danno.

Come risolvere il blocco della caldaia

Individuata la causa non ci resta che capire come fare per risolvere il blocco della caldaia. Per prima cosa, quindi, dovremmo essere in grado di definire la gravità del problema: è qualcosa che possiamo fare da soli o è necessario rivolgersi ad un tecnico? Per capire se la risoluzione del blocco della caldaia sia nelle nostre corde vediamo cosa è opportuno fare nei casi individuati in precedenza:  

 

  • Se crediamo che il blocco della caldaia sia causato dal calcare, il quale tende a ostacolare il naturale passaggio dell’acqua calda causando una conseguente riduzione del flusso, possiamo chiamare un tecnico specializzato che procederà con la pulizia dello scambiatore attraverso un liquido acido, capace di sciogliere il calcare senza rovinare l’impianto. È inoltre possibile aggiungere alla caldaia un filtro anticalcare (dosatore di polifosfati) o un filtro defangatore, per ridurre il problema.
  • Se il blocco della caldaia è dovuto alla mancanza il gas, la caldaia non può funzionare perché non può accendere la fiamma pilota necessaria per il suo corretto funzionamento. Può capitare in caso di interruzione temporanea del servizio, per lavori di manutenzione del gestore, oppure, laddove la tua abitazione utilizzi un serbatoio di gpl per il riscaldamento e l’acqua calda sanitaria, potrebbe semplicemente essere finito il combustibile e tu debba procedere ad un rifornimento. Un’altra ragione alla base di una interruzione del gas potrebbe essere la rottura o l’ostruzione della valvola che alimenta la caldaia. In questo caso, dovrai rivolgerti ad un tecnico specializzato, perché non è consigliabile un intervento fai da te.
  • Qualora si verificasse, ad esempio, un guasto all’impianto elettrico di casa, o, molto semplicemente, dovesse mancare la corrente temporaneamente, la caldaia risulterebbe spenta, perché senza la corrente elettrica non è possibile innescare la scintilla che aziona la fiamma pilota della caldaia. In questi casi, non puoi fare altro che risolvere il guasto o attendere che torni la corrente.
  • Se la caldaia si blocca per problemi di pressione, possiamo intervenire in autonomia controllando il manometro. La pressione deve essere ad un livello tra un minimo di 1,2 e un massimo 1,5 bar, cercando di non scendere né salire oltre questi due livelli. Nel caso in cui la pressione dovesse scendere al di sotto di 1,5 bar, la caldaia andrà in blocco, perché non è sufficiente a garantire il suo corretto funzionamento. Per far salire la pressione ai livelli desiderati, è necessario agire sulla manopola manualmente, ricordandosi sempre di non superare le 2 bar. Laddove, invece, la pressione dovesse essere troppo alta, quindi superiore a 2 bar, ti basterà sfiatare un radiatore o uno scaldasalviette che hai in casa, abbassandola sotto il livello massimo consigliato.
  • Una ostruzione degli impianti di tiraggio dei gas di scarico impedisce questo processo, trattenendo i fumi e mandando in blocco la caldaia. In questi casi, dovrai chiamare un tecnico specializzato per procedere ad una pulizia completa. 
  • Nelle caldaie a condensazione se il tubo di scarico condensa congela e si blocca con il ghiaccio, questo determina il blocco della caldaia. Nella grande maggioranza dei casi questi problemi si verificano dove il tubo di scarico della condensa si trova esternamente all'edificio e per risolvere il problema è sempre meglio cercare un aiuto professionale da parte di un tecnico specializzato.  
{text}
Attention icon>
{text}
Annulla Conferma
Continua